Codice meccanografico TOCF01500L

Pasticceria, una passione che porta al successo! 

Tiramisù, babà, sfogliatelle alla ricotta, cannoli, cassate, gianduiotti: questi sono solo alcuni dei dolci per cui l’Italia e la sua pasticceria sono conosciute in tutto il mondo.

Il motivo di tanta ammirazione? Oltre alla bontà dei nostri dolci, realizzati artigianalmente e con materie prime, c’è una vera e propria storia di tradizioni, che pochi paesi possono vantare.

Basti pensare che in Italia non solo abbiamo dolci simbolo per ogni regione, ma è sufficiente  svoltare l’angolo e cambiare città, perché quello stesso dolce ci venga servito con un nome diverso, dai suoni e dalla cadenza ancora più vicini alla parlata locale. 

In Puglia ad esempio un dolce tipico del periodo pasquale è la Scarcella, un cesto di pasta frolla con al centro un uovo sodo. Basta però spostarsi verso Foggia perché venga chiamata Scariella o in Sicilia per sentirla chiamare Cuzzupa.

È quindi prevedibile che in un paese con una cultura così profondamente intrecciata alla cucina dolciaria, dovessero nascere e sviluppare un talento quelli che sarebbero poi stati definiti  i migliori pasticceri d’Italia.

Ma nell’olimpo della nostra pasticceria, chi sono i migliori? E cosa possiamo imparare da loro? Scopriamolo insieme.

 

1# IGINIO MASSARI

cuochi0

Alcuni di voi si ricorderanno di lui per averlo visto nelle storie di Fedez, quando tempo fa lo aiutò a riparare la torta che aveva preparato per il compleanno di Chiara Ferragni.

In realtà la sua popolarità sui social è solo la punta dell’iceberg.

Il suo talento, la sua devozione, l’ostinata e instancabile ricerca per la perfezione e per la raffinatezza  lo collocano da tempi immemori al primo posto tra i pasticceri d’Italia.

La sua Pasticceria Veneto infatti si trova ancora oggi al primo posto della classifica del Gambero Rosso, nonostante l’arrivo di tantissimi pasticceri emergenti ed innovativi.

Quando gli viene questo qual è l’ingrediente segreto del suo successo lui risponde sempre “ferrea disciplina, passione e ricerca per la perfezione costante”.

2# FRANCESCA CASTIGNANI

cuochi2

La pastry chef Francesca Castignani è riuscita in qualcosa che ha fatto la storia: è infatti la prima donna ad aver ottenuto il riconoscimento più alto della pasticceria, “Le tre torte” sulla guida Pasticceri & Pasticcerie del Gambero Rosso

Definita da Pierre Hermè come “la migliore decoratrice della pasticceria moderna”, oggi porta avanti la sua pasticceria, la Belle Hélenè, a Tarquinia.

Il suo segreto del successo? I ricordi di quando era ragazza, come le crostatine alla ricotta con gocce di cioccolato che preparava la madre ogni domenica. 

3# MARCO BATTAGLIA E LAVINIA FRANCO

cuochi1

Cosa accade quando due ambiziosi chef – uno Palermitano, l’altra Milanese- si mettono insieme? Che aprono insieme una pasticceria, Marlà, come la fusione dei loro nomi…. e dei loro dolci ovviamente.

Tradizione e innovazione sono le parole chiave della loro pasticceria, che li ha portati a vincere il premio speciale Gambero Rosso come Pasticceri Emergenti 2020.

Il segreto del loro successo? Lo racchiudono in tre aggettivi: Giovane, creatività, artigianalità.

Leggere storie di successo può generare sensazioni contrastanti: da una parte gioia perché quello che sembrava un traguardo impossibile è stato raggiunto da qualcuno, dall’altra parte scoraggiamento perché “ecco, io non ho quel talento, quell’ambizione, quel senso di innovazione”.

È importante però ricordare che non esiste un solo tipo di talento, ambizione, spirito di innovazione.

Il futuro dei nostri sogni è dietro l’angolo, basta crederci e impegnarsi per raggiungerlo.